Pidocchi: sintomi e rimedi

Pidocchi: sintomi e rimedi

Potrebbe capitare, nel corso dell’anno, che a scuola si verifichino dei casi di pediculosi. L’importante per mamma e papà è non farsi prendere dal panico, ma conoscere sintomi e rimedi che eviteranno ansia e troppi inutili trattamenti ai vostri figli.

La prima cosa da sapere è che purtroppo non esiste alcun prodotto per evitare che un bambino sia infestato da uno o più compagni di classe che hanno i pidocchi.

Pidocchi: sintomi e rimedi 01

Se vostro figlio accusa fastidio e prurito soprattutto dietro le orecchie e sulla nuca e pensate che abbia i pidocchi, sollevate lentamente i capelli facendoli scorrere contro pelo ed esaminateli attentamente aiutandovi con una lente di ingrandimento e buona luce: i parassiti, di colore grigio-bruno, tendono a confondersi con i capelli. Le uova sono lunghe circa un millimetro e di colore bianco-grigio. Sono simili alla forfora, ma più lucide e resistenti.

Segnalate subito il problema alle persone con cui il bambino è venuto a contatto e soprattutto a scuola.

Procedete quindi con una terapia locale tramite l’uso di prodotti specifici e ripetete il trattamento dopo 7-10 giorni per eliminare eventuali pidocchi nati da lendini sopravvissute al primo trattamento. Nel caso il prurito continuasse, non continuate oltre con la terapia, ma rivolgetevi al vostro pediatra di fiducia, che visiterà il bambino e saprà indicarvi la terapia migliore da seguire.

Pidocchi: sintomi e rimedi 02Per liberarsi dei fastidiosi parassiti non è necessario disinfestare tutta la casa, ma solo indumenti e oggetti con i quali il bambino che ha i pidocchi è venuto a contatto tra le 24 e le 48 ore precedenti il trattamento. Un metodo semplice consiste nel lavaggio dei vestiti e delle lenzuola a temperature superiori ai 60°C (o a secco) e nell’immersione in acqua calda di pettini e spazzole. E’ bene tenere in una camera ben arieggiata gli indumenti, la biancheria del paziente e i vari accessori per pettinarsi e non usarli per 4-5 giorni (il pidocchio lontano dal capello vive 2-3 giorni).

Ricordatevi che:
•    i pidocchi non sono sintomo di scarsa igiene;
•    i pidocchi non hanno ali e non si trasmettono per via aerea, ma solo per contatto diretto tramite pettini, berretti, sciarpe, ecc..;
•    è buona regola insegnare fin da subito ai bambini a non scambiarsi oggetti d’uso personale;
•    i bambini possono tornare a scuola dopo il trattamento anche se hanno ancora dei pidocchi;
•    per evitare i pidocchi non è necessario tagliare i capelli, anzi, al contrario di quanto si pensa i capelli lunghi rendono più difficile la trasmissione dei parassiti;
•    i capelli corti possono però facilitare il controllo e la rimozione dei pidocchi.