Tatuaggi: i consigli per curarli con le creme Tattoo Defender

La cura e la protezione del tatuaggio sono fondamentali per la sua corretta cicatrizzazione. La pelle nelle zone tatuate oltre a risultare sensibile e delicata, deve essere sottoposta a moltissime attenzioni.

Un tatuaggio non curato e cicatrizzato male, oltre a risultare non bello dal punto di vista estetico, può essere causa di possibili infezioni.

Per questo di seguito vi diamo alcune linee guida per la cura del vostro tatuaggio, a partire dal momento in cui è appena terminato fino alla sua completa cicatrizzazione.

Il primo consiglio, è quello di ascoltare sempre il vostro tatuatore di fiducia e rivolgersi ad esso per ogni eventuale problema.

Appena usciti dallo studio:

– È importante tenere la pellicola protettiva fino a che non ci si trova in un ambiente sano e pulito: solo allora potrete iniziare a far prendere aria al tatuaggiocura del tatuaggio. Prima di fare ciò, assicuratevi di lavarvi accuratamente le mani con sapone antibatterico.

– Dopo questo primo passaggio si può procedere a lavare il tatuaggio dolcemente con acqua tiepida.

Utilizzare un asciugamano pulito e dedicarlo solamente all’asciugatura del tatuaggio, dopodiché lasciare respirare un po’ la pelle senza crema protettiva e infine applicarla.

La benda non sarà più necessaria, a meno che non si frequentino luoghi sporchi o con molta polvere; in questo caso, è consigliabile indossare indumenti che coprano la parte interessata o applicare nuovamente la pellicola dopo l’applicazione della crema, meglio però soltanto per brevi periodi.

Prima di coricarsi la sera è necessario lavare nuovamente il tatuaggio ed applicare la crema.

Nei momenti appena successivi alla realizzazione del tatuaggio sono possibili piccole fuoriuscite di sangue e arrossamenti o gonfiori: un fenomeno del tutto normale. Nel caso in cui la perdita di sangue sia cospicua o duri per più giorni, allora è meglio tornare dal tatuatore. Queste istruzioni devono essere seguite alla lettera in quanto il rischio di contrarre infezioni è massimo proprio in questi momenti.

Importante è anche la cura nei primi giorni dopo il trattamento: sarà necessario lavare il tatuaggio con sapone apposito per tre o quattro volte al giorno ed applicare sempre la crema. Le crosticine di sangue non devono essere rimosse. È possibile fare la doccia coprendo il tatuaggio con la pellicola. Un occhio di riguardo se si pratica sport: meglio evitare la piscina e gli sport acquatici oltre a tutti quei movimenti che potrebbero irritare la pelle in modo eccessivo.

Cosa evitare nelle prime settimane

L’esposizione diretta ai raggi solari: nelle settimane di “convalescenza” bisognerebbe evitare di esporre il tatuaggio al sole, soprattutto in maniera diretta; se proprio si è costretti, è assolutamente necessario coprirlo e utilizzare creme con protezione totale.cura del tatuaggio

Il mare: la salsedine, la sabbia, il calore eccessivo e il sole potrebbero compromettere la corretta guarigione del tattoo.

Grattarsi per trovare conforto: nel primo periodo è normale che la pelle pruda, ma non bisogna assolutamente grattarsi altrimenti si potrebbero contrarre delle infezioni o togliere eventuali crosticine, andando a rovinare il tatuaggio.

Indumenti pesanti o poco traspiranti: preferite indumenti di cotone, meglio ancora se la parte interessata rimane scoperta mentre siete in casa.

In Farmacia Poggi è disponibile una linea di creme professionali per la cura del tatuaggio: i prodotti Tattoo Defender hanno ricevuto l’autorizzazione del Ministero della Salute per essere qualificati come dispositivi medici, garanzia di qualità, affidabilità e sicurezza. Inoltre, la linea non contiene parabeni ed è completamente Cruelty Free: i prodotti non sono testati sugli animali e sono certificati PETA.

cura del tatuaggio

La linea è pensata per la cura del tatuaggio a 360°: troverete creme adatte alla cicatrizzazione, creme con protezione solare e detergenti specifici per il lavaggio. Per ulteriori informazioni, vi aspettiamo in Farmacia Poggi!

 Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.