La sindrome da stanchezza cronica (Chronic Fatige Syndorme, o CFS) è una stanchezza prolungata, che pare durare all’infinito e che per questo debilita. A soffrirne sono in genere gli adulti tra i 20 e i 40 anni, soprattutto le donne, e tutti lamentano una fatica disumana che incide sull’attività fisica, sulle relazioni personali e sulla vita intellettuale.

La CFS implica una fiacchezza generale che non passa nemmeno con una dormita e che ha sintomi specifici: dura almeno 6 mesi, implica difficoltà di memoria e concentrazione, dolori delle ghiandole linfonodali, dolori muscolari e articolari e cefalea.

Inoltre, il sonno, in genere riparatore cellulare e rigenerante per il corpo e per la mente, non può proprio fare nulla contro questa devastante stanchezza, acuita dai più piccoli sforzi o da un blando esercizio fisico.

 Sindrome da stanchezza cronica

Le cause sono tuttora ignote, ma pare sia certo che circa la metà dei pazienti si rimetta entro cinque anni dalla comparsa dei sintomi iniziali della malattia e dalla diagnosi, ma spesso questa sindrome presenta un decorso ciclico.

In ogni caso, prendetevi un attimo di tregua e dedicatevi un po’ di tempo, se conducete una vita stressante e faticosa fisicamente e mentalmente. Forse è solo il caso di tirare un attimo il freno e di rallentare la marcia.

Contatta la Farmacia