Curcuma: come e perché utilizzarla

Ormai è certo: la curcuma, la famosa spezia orientale giallo oro, non può più mancare nella nostra dieta e utilizzarla in cucina significa regalarsi un vero surplus di salute e benessere. Numerosi studi scientifici hanno infatti provato i suoi numerosi effetti benefici nella cura e nella prevenzione di molti disturbi.

Che cos’è

Parente dello zenzero, la curcuma è una spezia originaria dell’Asia meridionale, deliziosa e ricca di proprietà. È nota anche con il nome di zafferano delle indie ed è largamente utilizzata nella cucina indiana e mediorientale. I suoi rizomi, che sono la parte della pianta che contiene i principi attivi, vengono fatti bollire e poi fatti seccare in grandi forni, dopodiché vengono schiacciati fino ad ottenere una polvere giallo-arancione.

I benefici

1. È un’alleata del cuore: la curcuma, grazie alla curcumina, è in grado di rafforzare il tessuto endoteliale, ovvero il rivestimento dei vasi sanguigni. E’ quindi una preziosa alleata del cuore, capace di ridurre i rischi di malattie cardiovascolari.

2. Abbassa il colesterolo: secondo una ricerca indiana pubblicata sul Journal of Physiology and Pharmacology, la curcuma, sarebbe in grado di ridurre i livelli di colesterolo cattivo LDL e di aumentare quelli del colesterolo buono HDL.
3. È un potente alimento per il cervello: la curcuma può rallentare l’invecchiamento delle cellule cerebrali, offrendo un valido aiuto al nostro cervello per mantenersi sano e attivo.398b316465780a1a182d852cb2db860f

4. Tiene lontani raffreddore e influenza: le proprietà antibatteriche e antivirali della curcuma rafforzano il sistema immunitario, aiutando a prevenire influenza e raffreddore.
5. Ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie: la curcumina è in grado di
trasformare i radicali liberi in sostanze inoffensive per il nostro organismo oltre naturalmente a rallentare l’invecchiamento del nostro patrimonio cellulare. Inoltre le sue qualità antinfiammatorie e antisettiche la rendono un ottimo disinfettante naturale e cicatrizzante.

Come utilizzarla

È importante sapere che la curcuma andrebbe sempre associata al pepe nero o the verde e ad un olio vegetale per beneficiare al meglio delle sue proprietà. Per un uso salutistico è sufficiente riuscire ad integrarla nella nostra dieta quotidiana senza superare la dose di due cucchiaini al giorno; si può aggiungere a fine cottura di molti
alimenti ma si può anche aggiungere a vari tipi di yogurt o farne una salsa. In caso di disturbi intestinali, si può sciogliere un cucchiaio di curcuma in un bicchiere di acqua calda; aiuterà a digerire meglio beneficiando al contempo di tutte le proprietà della curcuma.

tumeric_b-2

Controindicazioni

Si consiglia di chiedere il parere del medico prima di assumere curcuma in caso si soffra di disturbi quali ulcera gastrica, occlusione delle vie biliari, ittero o insufficienza epatica. Sono inoltre possibili interazioni con farmaci ipoglicemizzanti, anticoagulanti e immunosoppressivi, pertanto chi assume questo tipo di farmaci dovrebbe limitare il consumo di questa spezia. E’ sconsigliata in gravidanza, allattamento e nei bambini sotto i 2 anni di età. Dosi eccessive di curcuma possono provocare nausea o acidità gastrica, non superante quindi la dose consigliata di due cucchiaini al giorno.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Contatta la Farmacia